Come guadagnare con le affiliazioni? (Affiliate Marketing)

Come guadagnare con le affiliazioni? (Affiliate Marketing)

Come guadagnare con le affiliazioni? (Affiliate Marketing) – L’affiliate marketing, o marketing di affiliazione, è una delle tematiche principali di cui da anni si occupa Monetizzando.com. Con questo articolo vogliamo fare un riepilogo degli articoli sulle affiliazioni pubblicati negli anni e fornirti tutte le informazioni che dovresti sapere sul marketing di affiliazione ed il guadagno online.

Abbiamo già scritto, nei mesi scorsi, un articolo che ha riscosso moltissimo successo dal titolo “Come guadagnare con un blog“, articolo che fa parte di una serie di articoli dedicati al guadagno online (fra questi ricordiamo anche “Come guadagnare con Facebook“). In questo articolo ci occupiamo invece delle affiliazioni, partendo da un “riassunto” dei migliori articoli pubblicati su Monetizzando.com:

Come guadagnare con le affiliazioni online e l’affiliate marketing?

Partiamo da una informazione non presente negli altri articoli elencati qui sopra: si può guadagnare con le affiliazioni senza avere un sito internet. 

Puoi sfruttare i social network per promuovere le affiliazioni (per le campagne che consentono questo tipo di promozione), puoi usare l’email marketing (o meglio il direct email marketing) se hai una lista di indirizzi email che ti hanno dato l’autorizzazione a ricevere email pubblicitarie, puoi utilizzare YouTube, ma sopratutto più sarai “originale e creativo” e più potrai riuscire a guadagnare con le affiliazioni.

Esiste anche un altro modo per fare soldi con le affiliazioni, si chiama Arbitraggio ed è l’argomento del paragrafo che trovi qui di seguito.

Guadagnare con le affiliazioni e l’arbitraggio:

Il modello “Arbitrage Pricing Theory” (APT) trae la sua origine dai concetti finanziari fondamentali (ovvero dal mondo della finanza), e si verifica quando si ha l’opportunità di acquistare spazi pubblicitari e contemporaneamente vendere un servizio ottenendo un profitto privo di rischio.

Praticamente gli affiliate marketer più esperti utilizzano spesso questa opportunità: acquistano spazi pubblicitari per promuovere campagne in affiliazione, pagano l’adv (pubblicità) a basso prezzo e cercano di ottenere il miglior rendimento, un esempio ti chiarirà meglio come funziona l’arbitraggio.

Esempio strategia arbitraggio e affiliazioni: // L’esempio riportato è completamente inventato //

Giovanni trova la campagna “vinci un iPhone” sul network di affiliazione “guadagnifacilissimieaffiliazioni”: la campagna paga 3 € per ogni registrazione (si tratta di un concorso online in cui gli utenti devono lasciare il proprio indirizzo email per partecipare all’estrazione di un iPhone). – Nota: la campagna deve chiaramente accettare traffico da social e/o da keyword marketing/advertising – Giovanni dunque si iscrive alla campagna e viene accettato.

A questo punto Giovanni, esperto affiliate marketer, crea una inserzione su Facebook, magari caricando diverse creatività e creando una landing page ad hoc (per maggiori informazioni sulle landing page leggi Cosa sono le landing page: guida e consigli). – Nota: Giovanni avrebbe potuto acquistare anche pubblicità tramite altri canali come Google AdWords o altri sistemi/network/piattaforme – Chiaramente Giovanni decide di acquistare pubblicità su Facebook e pagare (ad esempio) 1.50 € ogni mille visualizzazioni del suo annuncio.

Se dunque per 1000 visualizzazioni dell’annuncio Giovanni, creando il giusto target di traffico ed impostando bene la campagna, riesce a generare 80 click verso la sua campagna e 10 iscrizioni (persone che vorrebbero tanto vincere un iPhone) avrà guadagnato 30 €, a cui dobbiamo sottrarre la spesa iniziale (1.50 €), con un ricavo netto di 28.50 €: praticamente Giovanni ha “acquistato pubblicità per promuovere una campagna in affiliazione”.

– –

E’ evidente che qui l’esempio è semplificato ed i payout indicati sono molto alti per la tipologia di campagna scelta (CPA ovvero Cost per Action / Acquisition), ma il concetto di arbitraggio è esattamente questo: acquistare pubblicità per una campagna pubblicitaria presente all’interno di un network di affiliazione.

Le fasi di promozione della campagna prevedono dunque:

  • Una fase di selezione della campagna che potrebbe essere performante
  • Una fase di creazione della landing page e della campagna pubblicitaria
  • Una fondamentale fase di test e analisi dei risultati con conseguente ottimizzazione
  • Una fase di boost ovvero “spinta” per massimizzare le entrate (seguendo l’esempio di cui sopra, se spendendo 1.50 € ha ottenuto un ritorno di 28.50 €, cosa sarebbe successo se come budget avesse impostato 150 €?)

Potremmo chiamare questo sistema il “ciclo dell’affiliazione”: è evidente infatti che una campagna non può durare per sempre e può inizialmente performare bene per poi assestarsi e non rendere più come all’inizio. E’ qui che bisogna andare alla ricerca di una nuova campagna performante.

Sfruttare il paid advertising e le affiliazioni con la potenza del tuo brand (o del tuo blog):

Potrai sfruttare la tecnica che ho evidenziato qui sopra mixandola con il tuo blog: se hai un blog di settore molto affermato/conosciuto potresti infatti pensare di:

  • Creare uno o più articoli ad hoc dedicati ad una campagna in affiliazione (e sfruttare la potenza dell’internal linking nella SEO)
  • Promuovere i tuoi articoli tramite i tuoi canali social e mettendo in evidenza questi contenuti (potrai in questo modo far visualizzare il tuo annuncio a tutti i tuoi fan su Facebook raggiungendo già un bacino di utenti molto profilato)
  • Aumentare gli accessi al tuo sito e, se hai strutturato bene il tuo sito, massimizzare le conversioni e monetizzare al meglio i tuoi spazi

Prima di chiudere l’articolo voglio fornirti ancora un paio di risorse utili se vuoi fare soldi con le affiliazioni: probabilmente ti starai chiedendo “bene, ma come faccio a trovare dei network di affiliazione validi?”

Ho già creato una pagina su Monetizzando.com in cui ho creato una lista dei network di affiliazione che puoi utilizzare (sia per l’Italia che per il resto del mondo – a seconda della tipologia di network – pensa infatti che potrai promuovere le tue campagne non solo in italiano, ma anche in altre lingue, per massimizzare le tue entrate).

Oltre ai network di affiliazione puoi anche decidere di utilizzare delle affiliazioni “di nicchia”, per questo ho creato la pagina “elenco affiliazioni dirette“, “affiliazioni adult” e gli articoli “guadagnare con l’affiliazione Amazon” e “guadagnare con l’affiliazione Zalando“.

Testa Varie Campagne in Affiliazione

Non intestardirti su una campagna: Spesso ci si iscrive ad una piattaforma o network di affiliazione perché un amico ci ha detto che “sta usando la campagna “X” sul network “Y” e guadagna come un matto (bisogna poi analizzare quanto guadagna).

Tu di conseguenza ti iscrivi e cominci ad utilizzare anche tu la stessa campagna senza riuscire a guadagnare un euro.

Mesi e mesi di banner, text link, sempre della stessa campagna e ricavi minimi. Fermati! Sei sicuro che la nicchia di appartenenza sia uguale a quella del tuo amico? Ti sei già chiesto se per caso i tuoi lettori sono davvero interessati alla campagna che stai promuovendo?

E’ inutile tenere un banner che non converte (ovvero che non porta conversioni e che dunque non ti fa guadagnare), meglio cambiarlo, dopo un test che comunque possa considerarsi di una durata sufficiente.

Crea una relazione con il tuo Affiliate Manager

Il compito di un Affiliate Manager è aiutare gli affiliati nel posizionare al meglio le pubblicità e consigliare le campagne più attinenti/performanti/migliori per il sito dell’affiliato.

Spesso però gli affiliati non contattano gli Affiliate Manager, non rispondono alle e-mail e perdono le loro occasioni di migliorare ed ottimizzare i guadagni.

Ricordati di sfruttare questa risorsa: avere una persona che ha esperienza e la condivide con te, suggerendoti, lavorando insieme per migliorare il tuo blog o sito è una risorsa da non perdere!

Se hai trovato utile quest’articolo ricorda di condividerlo sui social network, oppure, se hai domande, lascia il tuo commento e ricorda di iscriverti alla newsletter di Monetizzando.

Il nostro compito è aiutare gli affiliati nel posizionare al meglio le pubblicità e consigliare le campagne più attinenti/performanti/migliori per il sito dell’affiliato.

Spesso però gli affiliati non contattano gli Affiliate Manager, non rispondono alle e-mail e perdono le loro occasioni di migliorare ed ottimizzare i guadagni.

Ricordati di sfruttare questa risorsa: avere una persona che ha esperienza e la condivide con te, suggerendoti, lavorando insieme per migliorare il tuo blog o sito è una risorsa da non perdere!

Controlla le Nuove Campagne Sul Network Periodicamente

Questo è un elemento fondamentale, se si vuol lavorare bene con una piattaforma di affiliazione.

A seconda delle dimensioni del network di affiliazione infatti, ci sono molte campagne, e molte vengono attivate giorno dopo giorno, settimana dopo settimana…

Stabilisci una cadenza fissa da dedicare al check (controllo) delle campagne presenti sul network: sono sicuro che se controllerai oggi stesso, troverai alcune campagne di cui “non ti eri mai accorto”…

Buon lavoro e buon guadagno con l’affiliazione,

Valerio

3 Commenti

  1. Stef 9 Luglio 2010
  2. enrico 15 Settembre 2015
    • Valerio Novelli 15 Settembre 2015

Dubbi? Domande? Esprimi la tua Opinione!