Crowdfunding Immobiliare Guida Completa

Crowdfunding Immobiliare Guida Completa: Cos’è, Rischi, Opinioni

Vota questo post

Hai già sentito parlare di crowdfunding immobiliare ma non sai esattamente di cosa si tratta? Un innovativo sistema di finanziamento collettivo che ha come obiettivo l’acquisizione di un bene immobile da destinare all’affitto o alla vendita: cerchiamo di capire in maniera approfondita cos’è il crowdfunding immobiliare, come funziona, quali sono i rischi e quali le opinioni di chi investe in immobili con il crowdfunding.

Più di una volta, su Monetizzando, ho parlato dell’argomento Investimenti e delle varie tipologie di investimento disponibili oggi.

Fra i vari articoli pubblicati ci sono degli articoli dedicati anche all’argomento investire in immobili, ed in particolare, uno degli articoli che ha riscosso più successo si intitola “Investire in immobili senza soldi”.

Oggi cercherò di approfondire l’argomento Crowdfunding immobiliare, visto il crescente interesse verso questo argomento.

Crowdfunding Immobiliare Cos’è?

Si tratta di una forma di raccolta di capitali che avviene online: è la possibilità di investire in un progetto immobiliare da casa in modo molto semplice.

Esistono due tipologie di crowdfunding immobiliare:

  • Lending Crowdfunding: permette di prestare denaro alla società che sviluppa l’operazione immobiliare e diventare così finanziatori di quella operazione
  • Equity Crowdfunding: permette di investire in un progetto immobiliare diventando a tutti gli effetti soci di una operazione immobiliare

Si tratta di un nuovo modo per investire in immobili senza grandi capitali, o, come direbbe qualcuno, “investire nel mattone“.

Vantaggi del Crowdfunding Immobiliare

I vantaggi di chi opera o di chi vuole operare in questa tipologia di investimenti immobiliare sono numerosi:

  • La possibilità di operare da casa o da qualsiasi parte del mondo (basta un computer ed una connessione ad internet o uno smartphone/tablet ed una connessione ad internet)
  • La possibilità di valutare l’investimento osservando i vari business plan disponibili
  • La possibilità di seguire lo stato di avanzamento dei lavori disponibili

Eliminando inoltre quelli che sono i costi di gestione tradizionali dei fondi di investimento, potenzialmente è possibile avere dei rendimenti più interessanti.

Ma soprattutto, uno dei principali vantaggi di questa tipologia di investimento, è la possibilità di poter investire in immobili anche con pochi soldi, esistono infatti piattaforme che permettono di investire anche con qualche centinaio di euro o meno (vedremo più avanti quali sono le piattaforme attive anche in Italia).

Rischi Crowdfunding Immobiliare

Quali sono invece i rischi collegati a questa tipologia di investimento?

I rendimenti indicati non sono mai garantiti, si tratta di capitale di rischio (ovvero è possibile perdere in tutto o in parte il capitale investito).

Non ci sono mai garanzie specifiche su nessun progetto di investimento, ogni investimento comporta un determinato livello di rischio.

È molto importante capire sia chi sviluppa l’operazione sia valutare se chi sviluppa l’operazione partecipa all’investimento o ha dei partner che partecipano all’operazione proposta, valutare i vari parametri dell’operazione.

Altri rischi collegati a questa tipologia di investimento sono la svalutazione della proprietà (vale a dire una perdita di valore di una determinata proprietà dovuta a diversi fattori difficilmente prevedibili), la mancanza di liquidità (alcuni progetti possono concretizzarsi anche dopo diversi mesi o anni e questo porta ad una mancanza di liquidità da parte dell’investitore) e chiaramente l’assenza di potere decisionale (di fatto chi partecipa ad un progetto di crowdfunding non ha potere decisionale).

Esistono delle strategie che permettono in qualche modo di minimizzare i rischi di questa tipologia di investimento:

  • Scegliere piattaforme affidabili e conosciute
  • Scegliere piattaforme che fanno una buona due diligence sui progetti offerti
  • Scegliere una piattaforma che si occupa di ristrutturazione di appartamenti e non di costruzione
  • Analizzare i dati resi disponibili

Migliori Piattaforme Crowdfunding Immobiliare

Quali sono dunque le migliori piattaforme che operano anche in Italia? su Monetizzando ho scritto diversi articoli e recensioni di alcune delle piattaforme più famose:

  • Re-Lender: la piattaforma di crowdfunding immobiliare che opera nella riqualificazione urbana e che ha riscosso tantissimo successo
  • Concrete Investing: autorizzata Consob, permette di diventare socio dei progetti disponibili, l’investimento minimo va da 5.000 a 10.000 €
  • Crowdestate: nata in Estonia nel 2014 ed attiva in Italia dal 2018, permette di investire in immobili con un capitale minimo di 100 €
  • Housers: una delle aziende leader di settore che permette di partecipare con tre modalità differenti, risparmio, investimento o tasso fisso
  • Walliance: la prima piattaforma di equity crowdfunding nata in Italia che permette di investire a partire da un capitale di 500 €

Crowdfunding Ita

Spero che quest’articolo abbia chiarito un pò di dubbi sul mondo del Crowdfunding Immobiliare e sulle piattaforme attive anche in Italia.

Ricorda di inserire l’articolo fra i preferiti e consultarlo periodicamente poiché potrebbe subire delle modifiche o degli aggiornamenti, o magari semplicemente diventare ancora più completo grazie ai commenti dei lettori.

E tu cosa ne pensi? Se quest’articolo ti è piaciuto o ti è stato utile metti un mi piace, condividilo su Facebook, oppure, se vuoi dire la tua o aggiungere informazioni preziose ricorda di lasciare un commento su Monetizzando.com®!

Dubbi? Domande? Esprimi la tua Opinione!